Mi mancherà avere la sabbia nello zaino…

 Mi mancherà avere la sabbia nello zaino. Ho distutto le scarpe andando a piedi e ho l’anima piena di ricordi che portarò sempre con me. Nel mezzo di una piccola giungla sociale ho trovato pure persone con le quali ho potuto condividere per un momento nel tempo questa vita, che mi ha fatto vedere che il bicchiere non è sempre pieno dall’ inizio.

Si lo so. Prima, aveva l’anima piena di tristezza e pensava di trovare un mondo superficiale e freddo. E ho trovato anche persone cosi ma, come ogni bosco ha i suoi alberi secchii, ho imparato che ovunque andrò in questo mondo, sempre troverò gente amichevole e calda oppure gente meno amichevole. Mi sono successe anche cose nuove ad un certo punto, ma non importa con che voti le ho superate gli ,,essamini” sempre rimarranno ricordi e le lezioni imparate.

LErasmus mi ha aperto una porta che provare di non chiudere subito.

fotoblog

Piano, piano, il tempo trascors è giunto al termine. Sono già andate via 3 persone, e io sono ancora qui costruendo ricordi con quelli che sono ancora qui, catturando con gli occhi, immagini di ciò che significa Sicilia. Si dice che questa sia la vera Italia, ed è cosi. Ho visto anche un pezzo del Nord. Non cè paragone. Italia è questa. Qui. Al sud.

La magia che Palermo ha, è data senza dubbio, dalla Vucciria di cui quale parlerò di più in un futuro articolo. La Vucciria, Ballaro, la gente amichevole, il passeggio sulle piccole stradine con balconi caratteristici e le tasche che scendono dell balcon. La tortina con ricotta, il limone Partinina, e le notti con gli altri ragazzi erasmus a Mondello, dove l’alba mi trova scalza sulla sabbia. Tutte queste cose mi rimarranno nell’anima, gente, luoghi e pezzi di cuore, comunque loro forse non lo sanno.

Comunque, ho interiorizzato tante cose da quando sono qui, la verità è che non manifesto le mie emozioni tanto verso lesterno. Ci sono volte in cui mi dicono in forma di scherzo che parlo troppo, perche infatti non parlo quasi mai. Scelgo di rimanere in silenzio, perche non sempre mi piace tutto ciò che vedo e preferisco sentirmi felice dentro di me, per le cose belle che osservo, e per la atmosfera che si crea. Cioè mi assumo il ruolo di osservatore perche parlando troppo, potrei perdere l’essenza delle cose che non potrei osservare più, quanto è bella la vita quando sei in Erasmus a Palermo.

Grazie, Fede per aiutarmi 🙂 😀